Incidenti stradali

dott.ssa

Claudia Minacapelli Marotta

 

Medico Chirurgo

Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

DANNI ALLA PERSONA DERIVANTI DA INCIDENTI STRADALI O TRA NATANTI

Consulenza medico legale in ambito stragiudiziale e giudiziale, settore civile e penale

Ogni anno tantissime persone subiscono lesioni a seguito di incidenti di varia natura. Moltissimi di questi incidenti sono stradali e molte persone, purtroppo, subiscono lesioni o addirittura muoiono.

Tutti i passeggeri dei veicoli interessati, la maggior parte dei pedoni ed una buona parte dei guidatori, hanno diritto ad un equo risarcimento del danno subito e, dunque, in primis, occorre loro una consulenza medico legale per la valutazione dei danni alla persona derivati dall'incidente (lesioni e menomazioni derivate).

Il danneggiato, infatti, ha diritto di pretendere dal responsabile del sinistro il risarcimento di tutti i danni patrimoniali e non patrimoniali.

La consulenza medico legale è l'univa via riconosciuta dalla legge per vedersi riconosciuto a titolo risarcitorio il danno non patrimoniale, ovvero il danno psicofisico patito. La stessa permette di individuare, definire e quantificare le lesioni e le menomazioni alla persona in funzione della richiesta di risarcimento economico.

A Vostro favore saranno svolte le seguenti prestazioni professionali:

  • istruttoria, studio ed approfondimento del caso;
  • visita e/o acquisizione di dati "sanitari" di interesse ai fini dell'indagine;
  • ricerca linee guida e protocolli medici e sanitari;
  • analisi e valutazione del nesso di causalità secondo criteri medico legali;
  • valutazione di lesioni, postumi, menomazioni psicofisiche e danno morale;
  • valutazione delle spese sanitarie e/o assistenziali presenti e future;
  • colloqui e comunicazioni con il Cliente e/o il Legale;
  • eventuale collaborazione con Ausiliario Tecnico Specialista;
  • stesura relazione dattiloscritta conclusiva.

Al termine del lavoro svolto il medico legale produce una “relazione di parere medico legale” sulla scorta dell’obiettività clinica presentata dal danneggiato che, se possibile, deve aver completato il processo di guarigione e fornito la relativa documentazione medica.

La relazione si conclude con la valutazione delle lesioni e menomazioni subite dalla persona a causa dell'incidente.

Suddetta valutazione, se possibile, contempla il danno alla persona nelle due componenti tipiche del danno biologico, temporaneo e permanente, risarcibile e risarcito per equivalente in denaro.

Il danno biologico temporaneo è costituito dai giorni in cui non si è potuto provvedere alle proprie abitudini e mansioni di vita quotidiana calcolato tramite un conteggio graduato in percentuale: 100% se si è ricoverati all’ospedale, 75% per i giorni di sofferenza più acuta, 50% e 25% per gli altri giorni di sofferenza minore. Da tale graduazione discenderà il quantum economico concesso a tiolo di risarcimento del danno temporaneo, in particolare, secondo quando indicato dall'art. 139 del D.Lgs. 209/2005 e s.m. e i. (Codice delle Assicurazioni private), attualmente viene riconosciuto un importo di € 46,29 per ogni giorno di inabilita' assoluta, mentre in caso di inabilita' temporanea una liquidazione in misura corrispondente alla percentuale di inabilita' riconosciuta per ciascun giorno (ai sensi del D.M. Sviluppo economico 26/6/2015 emanato in applicazione del su citato art. 139).

L’altro profilo centrale nella valutazione medico legale è il danno biologico permanente, ovvero la riduzione dell’integrità psicofisica che permane dopo la guarigione, computata dal medico legale in punti percentuali da 0 a 100 secondo gli esiti della consulenza professionale condotta.

Nei casi di lesioni comprese tra lo 0 e il 9%, sempre in applicazione del su citato art. 139 (Danno biologico per lesioni di lieve entità), questo punteggio sarà tradotto dal Legale in una somma economica sulla base dei valori indicati dall'ordinamento (attualmente il su citato Decreto del Ministro dello Sviluppo economico 26 giugno 2015 prevede un importo di € 793,52 relativo al valore del primo punto di invalidita).

Il comma secondo dello stesso articolo, aggiunge, in maniera inequivocabile, "lesione temporanea o permanente all'integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale che esplica un'incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito. In ogni caso, le lesioni di lieve entità, che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente".

Per lesioni valutate tra il 10 al 100% si applica, invece, la disciplina di cui dell'art. 138 dello stesso Codice (Danno biologico per lesioni di non lieve entità) che, in attesa di emanazione della tabella unica nazionale, lascio spazio all'applicazione delle Tabelle del Tribunale di Milano (alle quali la giurisprudenza riconosce attendibilità e applicabilità su tutto il territorio nazionale - Prof.ri Dott.ri Mastroroberto, Cannavò).

In assenza di una valutazione medico legale di fiducia, la quantificazione del danno biologico effettuata dal Medico fiduciario della Compagnia di Assicurazione sarà l’unica base per le trattative e l’offerta di risarcimento economico.

L'assistenza medico legale fornirà, dunque, le basi scientifiche per la valutazione del danno alla persona derivato dall'incidente permettendoVi di essere "attendibili" nei confronti dell'Assicurazione o del Giudice chiamati a stabilire il quantum risarcitorio.

Dall'altra parte, un’adeguata consulenza medico legale risulta necessaria ed indispensabile tanto per le Compagnie di Assicurazione quanto per la Magistratura che, caso per caso, devono evitare il rischio di concedere un risarcimento non dovuto o in misura non dovuta, oppure, forse peggio, non concedere un risarcimento opportuno. In tal senso sono offerte adeguate ed essenziali "prestazioni continuative" per le esigenze delle Assicurazioni.

Ovviamente in tali situazioni si vedranno contrapposti gli interessi del privato, che pretenderà un giusto risarcimento (niente in meno!), con quelli della Compagnia di assicurazione che tenterà di risarcire solo quanto effettivamente dovuto (niente in più!). Ambedue le parti potranno e dovranno, quindi, tutelare al meglio i propri interessi affidandosi alla valutazione medico legale dei traumi e menomazioni derivate dal sinistro.

Da ultimo, ma non per ultimo, occorre segnalare come Legge e Giurisprudenza siano costantemente concordi nel ritenere la necessità e risarcibilità della consulenza medico legale:

  • ai sensi della art. 6, lett. d), del D. Lgs, 209/2005 (Codice delle assicurazioni private), nell’ipotesi di lesioni alla persona la richiesta di risarcimento del danno inoltrata all'assicurazione deve contenere anche l’attestazione medica comprovante l’avvenuta guarigione, con o senza postumi permanenti;
  • circa la risarcibilità delle spese di consulenza l'art. 9 del regolamento attuativo di cui al DPR 254/06 così si esprime "sugli importi corrisposti non sono dovuti compensi per la consulenza o assistenza professionale di cui si sia avvalso il danneggiato diversa da quella medico-legale per i danni alla persona".

Anche la Giurisprudenza della Suprema Corte ha confermato che le spese legali necessarie al danneggiato da sinistro stradale vanno risarcite se necessarie alla tutela dei propri diritti (cfr. Cass. 11154/2015).

 

ALCUNI DEI CASI TRATTATI NEL CORSO DELL'ANNO PRECEDENTE

 

Incidenti stradali

  • Consulenza medico legale tecnica d'ufficio su incarico del Tribunale di Enna nei procedimenti:

- R.G. n. 1469/2013, in ambito di RC auto si sono valutati i danni alla persona derivante da grave incidente incidente stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno, il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di trauma facciale con ecchimosi della piramide nasale ed emorragia sottocongiuntivale bulbare supero-temporale dell’occhio sinistro; frattura diafiso-epifisaria prossimale dell’omero sinistro; frattura scomposta ed in parte ingranata del terzo medio diafisario dell’ulna di sinistra; frattura composta ed ingranata del terzo medio diafisario del radio di sinistra; frattura composta dell’ala iliaca destra; trauma contusivo ginocchio destro con profonda ferita lacero-contusa;

- R.G. n. 738/2013, in ambito di RC auto si sono valutati in grado di appello i danni alla persona derivati da un sinistro stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno, il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di trauma distorsivo del rachide cervicale di lieve entità ed un trauma contusivo della spalla sinistra; etc..

  • Consulenza medico legale tecnica d'ufficio su incarico del Tribunale di Termini Imerese:

- nel procedimento R.G.n. 50440/2013 in ambito di RC auto si sono valutati i danni alla persona derivati da incidente incidente stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno, il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di trauma contusivo alla spalla destra, frattura della base del condilo mandibolare destro, frattura intrarticolare dell’epifisi distale del radio destro, distorsione della caviglia destra con interessamento del legamento peroneo-astragalico anteriore; etc..

  • Consulenza medico legale tecnica d'ufficio per il Giudice di Pace di Enna nei procedimenti:

- R.G.n. 605/2014 in ambito di RC auto si sono valutati i danni alla persona derivati da incidente incidente stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno, il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di frattura diafisaria del femore sinistro;

  • - R.G.n. 45/2013 in ambito di RC auto si sono valutati i danni alla persona derivati da incidente incidente stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno,il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di trauma di lieve entità da contraccolpo del rachide cervicale e contusivo della spalla sinistra;
  • - R.G.n. 51/2015 in ambito di RC auto si sono valutati i danni alla persona derivati da incidente incidente stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno,il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di trauma da contraccolpo colonna cervicale, valida contusione colonna lombo-sacrale e bacino; etc..
  • Consulenza medico legale tecnica d'ufficio per il Giudice di Pace di Caltanissetta nei procedimenti:

- R.G.n. 42/2015 in ambito di RC auto si sono valutati i danni alla persona derivati da incidente incidente stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno, il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di trauma distorsivo del rachide cervicale di lieve entità e trauma contusivo a ginocchia e caviglia sinistra;

- R.G.n. 2939/2015 in ambito di RC auto si sono valutati i danni alla persona derivati da incidente incidente stradale, soprattutto, il nesso di causalità tra l’evento ed il danno, il danno biologico temporaneo e permanente riportato, tramite studio della documentazione sanitaria, visita medico legale, esame clinico obiettivo e relazione medico legale finale, in una fattispecie di trauma distorsivo del rachide cervicale di lieve entità e trauma contusivo alla spalla destra; etc..

  • MOLTE altre fattispecie affrontate con successo e TANTE odiernamente in corso.
Dr.ssa Claudia Minacapelli Marotta iscritto a Medicitalia.it | il motore di ricerca dei medici italiani

Dott.ssa Claudia Minacapelli Marotta

Medico chirurgo

Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

Enna, via Lombardia, 8, 94100 (EN)

P. IVA 01219800867